Ordini elettronici tramite il Nodo Smistamento Ordini (NSO): fissate le nuove scadenze

L’obbligo di utilizzo di NSO da parte delle Aziende sanitarie decorre dal 1° febbraio 2020 per i beni e dal 1° gennaio 2021 per i servizi

Con il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) del 27 dicembre 2019 è stata determinata la decorrenza dell’obbligo per le Aziende sanitarie di effettuare i propri ordini esclusivamente in formato elettronico e di trasmetterli tramite il Nodo di Smistamento degli Ordini (NSO).

In particolare, l’obbligo sarà in vigore a partire dal 1° febbraio 2020 per quanto riguarda i beni e dal 1° gennaio 2021 per quanto riguarda l’affidamento di servizi.

Intercent-ER si è attivata in anticipo e il Nodo telematico di Interscambio dell’Emilia-Romagna (NoTI-ER) è già in grado di gestire l'ordine PEPPOL 3.0 e l'invio a NSO. Dal 15 novembre 2019, infatti, le Aziende Sanitarie possono inviare ordini in formato 3.0 verso NoTI-ER, che interagisce direttamente con il Nodo di Smistamento degli Ordini (NSO) attraverso lo standard PEPPOL BIS 3.0.

Inoltre, tutti gli operatori economici che per ricevere gli ordini utilizzano il servizio semplificato della piattaforma SATER sono già abilitati a ricevere ordini compatibili con il sistema NSO.

Per ulteriori informazioni sulla gestione degli ordini in modalità compatibile con NSO, è disponibile un vademecum rivolto agli operatori economici e alle Pubbliche Amministrazioni.  

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/01/08 11:55:00 GMT+1 ultima modifica 2020-01-08T11:54:41+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina